Login      FOLLOW US ON follow on Facebook follow on Twitter follow on Pinterest follow on Tumblr follow on Google Plus
Focus
  • Le basi onorarie del Foro Romano

    Nel Foro Romano sin dall’età arcaica furono eretti edifici e monumenti, tanto che già nel I secolo a.C. per potervi costruire qualcosa si doveva demolire dell’altro. Spesso terremoti od incendi distruggendo quanto esisteva consentivano di riedificare ed abbellire il centro della città, ma quando gli imperatori spostarono la loro residenza verso oriente non furono più interessati a restauri o nuove costruzioni ...

    Continua »


  • Gli Auriga

    Ancora nel V secolo d.C. gli auriga erano eroi amati dal popolo e dai potenti di Roma tanto che l'imperatore dell'Impero Romano d'Oriente fece raffigurare l'auriga Porfirio sul basamento di una delle colonne della spina del Circo di Bisanzio fatto costruire da Costantino ...

    Continua »


  • Studium Urbis

    Nel 1303 con la bolla In Supremae praeminentia dignitatis, Bonifacio VIII istituì lo Studium Urbis, ovvero un’istituto per l’istruzione superiore che fosse destinato ai non prelati. Un’istituzione simile era stata già istituita a Bononia (Bologna) nel 1088, era stata chiamata Alma Mater Studiorum e la sua nascita avvenne con premesse diverse, ovvero erano gruppi di studenti che si riunivano e attraverso la collectio pagavano un docente che erano loro stessi a scegliere. L’istituzione per gli studi superiori di Roma nacque invece come affermazione della potestas universalis del papato e così era inizialmente nelle intenzioni di Papa Caetani ...

    Continua »


  • Monumento di Eurysace

    Nel 30 a.C. Marco Virgilio Eurysace, panarium nella Roma di Ottaviano ottenne di poter costruire il monumento funebre per sé e per sua moglie Antistia nella zona orientale del Colle Esquilino chiamata ad Spem Veterem, indicazione che sottolineava la presenza di un tempio dedicato nel 477 a.C alla Dea Speranza. Come tutti i monumenti funerari era fuori delle mura serviane e del Pomerio, lungo la via che conduceva all'antica Praeneste e dove si trovavano già molte altre tombe e monumenti funerari ...

    Continua »


  • Torri medievali nella campagna Romana

    Nel X e XI secolo nella campagna romana si costruì un sistema di allarme e segnalazione per la difesa di Roma dagli improvvisi attacchi di invasori basato su torri di avvistamento la cui distanza tra loro variava in relazione alla morfologia del terreno. Non fu un'opera di difesa concepita in modo unitario ma realizzato nel corso di alcuni secoli partendo dal riutilizzo di costruzioni di epoca romana, in prevalenza i grandi monumenti funerari, su cui si costruiva in elevazione ed ai quali furono via via raccordati gli agglomerati rustici dopo averli fortificati e munti di torre di avvistamento ...

    Continua »


  • I più letti del mese
  • Studium Urbis

    Nel 1303 con la bolla In Supremae praeminentia dignitatis, Bonifacio VIII istituì lo Studium Urbis, ovvero un’istituto per l’istruzione superiore che fosse destinato ai non prelati. Un’istituzione simile era stata già istituita a Bononia (Bologna) nel 1088, era stata chiamata Alma Mater Studiorum e la sua nascita avvenne con premesse diverse, ovvero erano gruppi di studenti che si riunivano e attraverso la collectio pagavano un docente che erano loro stessi a scegliere. L’istituzione per gli studi superiori di Roma nacque invece come affermazione della potestas universalis del papato e così era inizialmente nelle intenzioni di Papa Caetani ...

    Continua »


  • Le saline romane

    Durante il regno di Anco Marzio una parte della paga dei soldati era data in "sale" da cui deriva il termine salario. Plinio il Vecchio, sosteneva che ...

    Continua »


  • Il Colosseo e la profezia della fine del mondo

    Nell'VIII secolo in un monastero benedettino nel Sunderland il monaco Beda il Venerabile - poi Dottore della Chiesa cattolica - oltre a scrivere libri ...

    Continua »


  • Monumento di Eurysace

    Nel 30 a.C. Marco Virgilio Eurysace, panarium nella Roma di Ottaviano ottenne di poter costruire il monumento funebre per sé e per sua moglie Antistia nella zona orientale del Colle Esquilino chiamata ad Spem Veterem, indicazione che sottolineava la presenza di un tempio dedicato nel 477 a.C alla Dea Speranza. Come tutti i monumenti funerari era fuori delle mura serviane e del Pomerio, lungo la via che conduceva all'antica Praeneste e dove si trovavano già molte altre tombe e monumenti funerari ...

    Continua »


  • Mito e leggenda di Eracle (Ercole) e Caco

    Il mito di Ercole e Caco esprime il progressivo inserimento della cultura ellenistica sulle primordiali culture italiche: Eracle è il semidio ...

    Continua »


  • Il libro del comando

    Vi è un libro molto famoso De cerimoniis magicis di cui una copia si conserva alla Biblioteca Nazionale di Roma, non si sa chi sia l’autore anche se nel XVI ...

    Continua »


  • L’arco di Tito

    L’arco di Tito è uno dei due archi del Foro Romano ancora integro. L’altro è di Settimio Severo ed insieme a quello di Costantino e quello di Gallieno ...

    Continua »


  • Le Carceri di Roma Antica

    Nell’antica Roma il carcere non era una pena in sé, ma serviva a custodire il colpevole di un reato in attesa del processo ed il condannato alla pena ...

    Continua »


  • Piazza Montanara

    Alla fine dell'ottocento la Roma Capitale del Regno d'Italia cambiò il suo volto. Se molti quartieri - brutti - furono costruiti, altri furono completamente stravolti ...

    Continua »


  • I romani riciclavano il vetro

    Il vetro ha storia antichissima e nell’Antica Roma era un materiale diffusissimo sia negli impieghi più semplici che in quelli “artistici”. Nelle domus patrizie il ...

    Continua »


Iscriviti alla nostra Newsletter!