Login      FOLLOW US ON follow on Facebook follow on Twitter follow on Pinterest follow on Tumblr follow on Google Plus
Focus
  • Oratorio dei Quaranta Martiri

    Quando Christian Huelsen nel 1905 diede al mondo la sua descrizione del Foro Romano così descrisse l'edificio che si trovava nei pressi della Fonte di Giuturna: La parete di fondo dell' edicola di Giuturna s' appoggia ad una sala con abside di buona opera laterizia, situata esattamente nell' asse della Nova Via. A che servisse da principio è ignoto; nell' età cristiana fu trasformata in un oratorio dedicato ai Quaranta martiri. ...

    Continua »


  • 847 Incendio di Borgo

    Era il 10 aprile del 847 quando Leone IV fu eletto papa, nei primi mesi era intento a definire le strategie per difendere i territori papali dai saraceni e di cui era parte anche una linea di difesa per la residenza vaticana. Nel 845 e 846 i saraceni aghlabidi dalla Sicilia si erano presentati alla foce del Tevere ed avevano saccheggiato Ostia e poi risalendo il fiume erano arrivati sino a San Pietro; di fronte a questi pericoli il nuovo Papa si mise subito all'opera per dotare di difese efficaci il Vaticano quando si verificò un evento che divenne poi simbolo della ineluttabilità del destino e della potenza della fede ...

    Continua »


  • I romani si curavano con il laser

    L’etimologia latina del nome laser non ha nulla a che vedere con l’acronimo del XXI secolo LASER, che si riferisce ad un comportamento fisico della luce quando è stimolata dalla radiazioni, ed oggi trova molte applicazioni in medicina per la cura di patologie anche molto diverse, tuttavia per ironia della sorte anche il laser dei romani fu usato per curare le malattie più diverse ...

    Continua »


  • Sulpicio Gallo, astronomo romano

    Le eclissi, considerate in Roma un prodigio, registrate con ogni probabilità nelle Tabulae che i Pontefici redigevano ogni anno, furono studiate e annunciate, già dal II secolo a.C., da Sulpicio Gallo, il primo vero astronomo romano, che per farlo dovette utilizzare tutte le teorie in precedenza elaborate dagli astronomi greci a loro volta debitori degli studiosi caldei ed egiziani ...

    Continua »


  • Liber Linteus

    Liber è un nome latino della terza declinazione la cui matrice latina si ritrova in libro (italiano e spagnolo), livro (portoghese), livre (francese), llibre (catalano), liburu(basco), leabhar (gaelico scozzese e irlandese) che in origine significava scorza interna dell'albero, etimologia assimilabile a quella di matrice germanica "*bōk-", derivata da beech=faggio, da cui book (inglese), buch tedesco), bog (danese), boken (svedese) ...

    Continua »


  • Tanaquil, dal mito alla storia

    Nella Roma dell'età monarchica le figure regali femminili assumono rilevanza solo in quanto indirizzano le scelte del potere maschile, così è per Ersilia, moglie di Romolo che interviene nella battaglia per unire i due popoli che rischiano di annientarsi l'un l'altro, così è per Servia che tradisce il padre per il marito Tarquinio ma più complessa ed emblematica è la figura di Tanaquil, moglie etrusca di Tarquinio Prisco che dopo aver indirizzato le scelte di Tarquinio interpreta il volere degli dei e porta sul trono Servio Tullio ...

    Continua »


  • Doni e biglietti nell’antica Roma

    L’imperatore Vespasiano durante le feste per le Martiae Kalendae era solito distribuire alle donne doni accompagnati da bigliettini che erano chiamati ...

    Continua »


  • La rota degli esposti in Sassia

    Secondo la tradizione, fu Papa Innocenzo III ad istituire presso l'ospedale del Santo Spirito in Sassia una rota dove le madri che non volevano o non potevano allevare i loro figli, potevano lasciarli affidandoli alla pietà della chiesa e della gente ...

    Continua »


  • L'esperimento Galileano al Belvedere del Gianicolo

    Una mattina di aprile del 1611 Galileo Galileo salì sul punto più alto del Gianicolo per dare una dimostrazione agli accademici dei Lincei, il circolo scientifico più importante d' Europa, delle straordinarie potenzialità del nuovo strumento che aveva progettato: il cannocchiale ...

    Continua »


  • Panem et frumentationes

    Dopo il III sec. a.C la politica espansionista di Roma provocò dei profondi cambiamenti negli equilibri sociali, infatti se I patrizi cominciarono a veder crescere a dismisura le loro ricchezze con I bottini di guerra e se i cavalieri riuscirono a controllare i traffici mercantili poichè per legge ai patrizi furono vietate le attività commerciali, I ceti più bassi e soprattutto I contadini obbligati a lunghe campagne di guerra non riuscivano più a trarre sostentamento dalle loro terre, sia perché i terreni si erano inariditi sia perché dalle provincie arrivavano prodotti a prezzi molto più bassi ...

    Continua »


  • Altari, are et foci

    Nel Pantheon della religione romana esistevano Dei superi, Dei terrestri e Dei Jnferi ed anche le celebrazioni avvenivano in luoghi diversi; agli Dei superi gli onori venivano tributati sugli altari, per gli Dei terrestri si costruivano are dove fare le offerte ed infine per gli Dei inferi c’erano i foci, delle fosse nel terreno che potevano essere naturali od anche praticate dagli uomini dove l’offerta agli dei inferi veniva bruciata (focus, foci) ...

    Continua »


  • I più letti del mese
  • Ludi Scaenici antichi

    I primi ludi scaenici furono celebrati nel 364 a.C. quando, come racconta Tito Livio, per scongiurare una pestilenza furono fatti venire a Roma dall'Etruria danzatori, musicisti e mimi che. I giovani cominciarono ad imitare ”scambiandosi lazzi fra loro insieme a versi di rozza fattura”, erano i primi fescenninna licentia. Gli spettacoli erano in età arcaica delle rappresentazioni che avevano un simbolismo religioso e si tenevano quando cadevano le feste religiose, tuttavia nel tempo vennero tenute anche in occasione di ricorrenze pubbliche o per i trionfi. Nel passaggio dalla repubblica all'impero i ludi si arricchirono di nuove valenze più strettamente politiche fino a diventare veri e propri strumento di propaganda ...

    Continua »


  • Gli affreschi alchemici di Caravaggio a Casino Ludovisi

    Quando nel 1599 il Cardinal Del Monte divenne proprietario della vigna vicino a Porta Pinciana decise di far sistemare il parco e di restaurare la villa ...

    Continua »


  • Quando il papa aveva moglie

    Nel Concilio di Nicea del 325 fu approvata una disposizione per cui “... il celibato non va imposto a vescovi, preti e diaconi, già sposati prima ...

    Continua »


  • Plauto, la cistellaria

    Plauto ebbe una vita abbastanza lunga e assistette ai grandi cambiamenti della Roma Repubblicana che, sconfitti i popoli italici, ormai padrona della penisola si affacciava verso Oriente iniziando le sue guerre di conquista che videro crescere enormemente la sua ricchezza ...

    Continua »


  • Agrippa e Caligola: l'ascendenza difficile

    Caligola divenne imperatore per diretta discendenza da Ottaviano in quanto era il nipote della sua unica figlia Julia, discendeva quindi dagli Dei: Apollo che era il padre divino di Ottaviano e, dall'inizio dei tempi, da Venere madre di Enea, ma era anche nipote di un rude vir militaris nato nelle terre del Latium: Marcus Vipsanius Agrippa ...

    Continua »


  • Finnicella, inizia la caccia alle streghe

    Gregorovius racconta che il 28 giugno 1424 sulla Piazza del Campidoglio fu bruciata viva la fattucchiera Finnicella; partiva così proprio da Roma la caccia ...

    Continua »


  • Incoronazione di Petrarca in Campidoglio

    In Campidoglio, il giorno 8 aprile del 1341, il senatore Corso degli Anguillara incoronò “Poeta” , secondo le consuetudini degli antichi, Francesco Petrarca per l’opera in latino “Africa”. L'Africa, opera per cui Petrarca meritò il riconoscimento come poeta in Campidoglio, era … rievocazione di una realtà storica che era altresì un'immensa forza morale, destinata a protrarsi sino alla fine del mondo, malgrado le distruzioni e miserie succedute ai trionfi. (Carlo Belli) ...

    Continua »


  • 10 cose che non sapevi su Giulio Cesare

    Perdeva spesso conoscenza, come durante la battaglia di Tapso Giulio Cesare svenne e dovette essere portato lontano dal campo di battaglia. Gli antichi attribuivano la causa al morbo sacro, l'epilessia, di recente analisti e medici hanno avanzato l'ipotesi che si trattasse invece di leggeri ictus dovuti a problemi circolatori (ischemie?) che potrebbero aver provocato micro lesioni al cervello, cosa questa che spiegherebbe anche i comportamenti non troppo equilibrati che il dittatore andava assumendo negli ultimi tempi di vita ...

    Continua »


  • Mito e leggenda di Eracle (Ercole) e Caco

    Il mito di Ercole e Caco esprime il progressivo inserimento della cultura ellenistica sulle primordiali culture italiche: Eracle è il semidio ...

    Continua »


  • 1527 Il sacco dei Lanzichenecchi

    Quando nella guerra tra la Francia dei Valois e l’impero degli Asburgo che controllavano la Spagna e la Germania, il Papa Clemente VII decise di ...

    Continua »


Iscriviti alla nostra Newsletter!