Login      FOLLOW US ON follow on Facebook follow on Twitter follow on Pinterest follow on Tumblr follow on Google Plus
Focus
  • Nerone l’ultimo imperatore della gens julio-claudia

    Nel dicembre del 37 d:C. Agrippina Minore era nella villa imperiale di Anzio quando capì che stava per nascere suo figlio; il 15 dicembre nacque Lucio Domizio Enobarbo uno dei discendenti della famiglia imperiale giulio-claudia. Agrippina forse in quel bambino riconobbe le sembianze del fratello maggiore Nero, assassinato per volere di Tiberio, e lo chiamò con ...

    Continua »


  • Origine dei giochi gladiatori

    I combattimenti tra gladiatori furono introdotti a Roma nel III sec. a.C. ed erano offerti al popolo in memoria di un defunto illustre; i primi giochi di cui si ha testimonianza certa si tennero nel 264 a.C e furono offerti dai figli di Bruto Pera per onorare la memoria del padre e si svolsero al Foro Boario. Decimo Giunio Pera, figlio di Bruto era un potente uomo politico, console nel 266 a.C., che aveva guidato i romani alla vittoria sui Messapi; lui e suo fratello marco offrirono dei ludi in cui si affrontarono tre coppie di gladiatori ...

    Continua »


  • Il Trionfo

    Il trionfo era il massimo riconoscimento per un capo militare romano e, secondo la tradizione, il primo ad essere celebrato a Roma fu quello di Romolo per la vittoria che aveva riportato sui Ceninensi. Nella lunga storia di Roma furono decretati 320 trionfi e l'ultimo di cui si ha notizia è quello di Belisario che però si svolse a Costantinopoli ...

    Continua »


  • Ottaviano, il Princeps

    Nel maggio del 44 d.C. Gaio Ottavio divenne figlio adottivo di Giulio Cesare ed assunse il nome di Gaio Giulio Cesare prendendo quindi il cognomen della gens Julia; nel 42 d.C. dopo la deificazione di Julius Caesar divenne  Gaius Iulius Caesar Divi Filius Imperator, ma sarà solo dopo il 40 che sostituì il nomen Gaio Julio con imperator diventando Imperator Caesar Divi Filius , Imperatore Cesare figlio del Divino. Il progressivo cambiamento nel nome corrisponde ad un cambiamento della posizione di potere di Ottaviano ed all’evoluzione della sua visione politica che segnerà per sempre il destino di Roma. L'appellativo di imperator Ottaviano lo condivise solo con Agrippa che affiancò a sé nella gestione del governo dal 18 a.C. sino alla morte del fidato amico nel 12 a.C. Fino ad allora imperator era l'appellativo con cui era designato il generale a cui il Senato affidava il comando di tutte le legioni impegnate in campagne di guerra; quando la guerra terminava ed il comandante rientrava a Roma perdeva i suo appellativo e rimetteva al Senato il potere ...

    Continua »


  • Lo strano caso del Mausoleo di Tor di Quinto

    Lungo la Via Nomentana all'altezza della Basilica di Santa Agnese nel mezzo delle carreggiate si erge un monumento funerario romano di età traianea che è completamente estraneo al luogo in cui si trova. Come lungo tutte le vie che uscivano da Roma anche lungo la Via Nomentana in età romana venivano tumulati i defunti e catacombe e musolei sono ancor oggi visibili e individuabili, ma quello di fronte a Sant'Agnese era stato eretto lungo la Via Flaminia, nel tratto dopo Porta del Popolo e Ponte Milvio, ed è protagonista di una storia emblematica della poca attenzione con cui nei primi anni di Roma Capitale d'Italia era considerato il patrimonio archeologico della città ...

    Continua »


  • I più letti del mese
  • Tempio di Marte in Clivio

    Il tempio più antico dedicato al dio della guerra, Marte, si trovava appena fuori le mura, oltrepassata Porta Capena nei pressi della primo miliarum della Via ...

    Continua »


  • Mito e leggenda di Eracle (Ercole) e Caco

    Il mito di Ercole e Caco esprime il progressivo inserimento della cultura ellenistica sulle primordiali culture italiche: Eracle è il semidio ...

    Continua »


  • 10 cose che non sapevi su Giulio Cesare

    Perdeva spesso conoscenza, come durante la battaglia di Tapso Giulio Cesare svenne e dovette essere portato lontano dal campo di battaglia. Gli antichi attribuivano la causa al morbo sacro, l'epilessia, di recente analisti e medici hanno avanzato l'ipotesi che si trattasse invece di leggeri ictus dovuti a problemi circolatori (ischemie?) che potrebbero aver provocato micro lesioni al cervello, cosa questa che spiegherebbe anche i comportamenti non troppo equilibrati che il dittatore andava assumendo negli ultimi tempi di vita ...

    Continua »


  • Il Colosseo e la profezia della fine del mondo

    Nell'VIII secolo in un monastero benedettino nel Sunderland il monaco Beda il Venerabile - poi Dottore della Chiesa cattolica - oltre a scrivere libri ...

    Continua »


  • Righetto e Sgrullarella, eroi della Repubblica Romana

    In ogni storia della Roma papalina si muove un personaggio irriverente e salace che è il popolo romano ed in ogni avvenimento ci sono popolani che hanno ...

    Continua »


  • Finnicella, inizia la caccia alle streghe

    Gregorovius racconta che il 28 giugno 1424 sulla Piazza del Campidoglio fu bruciata viva la fattucchiera Finnicella; partiva così proprio da Roma la caccia ...

    Continua »


  • Quando il papa aveva moglie

    Nel Concilio di Nicea del 325 fu approvata una disposizione per cui “... il celibato non va imposto a vescovi, preti e diaconi, già sposati prima ...

    Continua »


  • 800 AD - Incoronazione di Carlo Magno

    La notte di Natale dell’ 800 d.C., a Roma nacque il Sacro Romano Impero quando, in San Pietro, Papa Leone III incoronò Carlo Magno dicendo ...

    Continua »


  • Antiche maledizioni: Tabulae defixionum

    Quando morì Germanico, erede di Augusto e figlio di Druso ed Antonia, molte erano le chiacchiere sulla sua morte inaspettata a soli 29 anni. Anche ...

    Continua »


  • La Rotonda sul mare di Ostia

    Alla fine del XVIII secolo a Brighton, luogo di villeggiatura preferito della nobiltà inglese, fu costruito un centro terapeutico che, per sfruttare i benefici propri dell'ambiente marino, aveva la particolarità di essere costruito in mezzo all'acqua con una lunga passerella che lo collegava alla terraferma. Questo tipo di stabilimento si diffuse presto in tutta Europa; le rotonde in Italia erano una decina realizzate negli anni a cavallo del 1900 e tra queste la Rotonda in stile Liberty della spiaggia di Mondello a Palermo, quella progettata nel 1782 da Vanvitelli ,una costruzione a palafitta a Monte di Procida su Lago di Fusaro, la rotonda in puro stile razionalista realizzata nel 1910 a Senigallia, negli anni ’30 fu poi la volta di quella di Chiavari realizzata sulla scogliera ; nel 1925 fu realizzata dall’architetto Giovan Battista Milani la Rotonda di Ostia che era forse la più grande d’Italia ...

    Continua »


Iscriviti alla nostra Newsletter!