Login      FOLLOW US ON follow on Facebook follow on Twitter follow on Pinterest follow on Tumblr follow on Google Plus

Agrippina e Germanico, una storia d’amore


Agrippina era la figlia minore della bellissima Julia e di Marco Vipsanio Agrippa e la nipote preferita di Augusto; Germanico era il figlio di Druso Maggiore, il figlio di cui Livia era incinta quando sposò Ottaviano, e di Antonia Minore una delle figlie che Ottavia aveva avuto da Marco Antonio; il loro matrimonio era la consacrazione della dinastia giulio-claudia.
Germanicus Julius Caesar era nato ad Anzio il 24 maggio del 15 a.C.; era un uomo bello e solare, generale fortunatissimo ed affascinante. Augusto lo adorava, e pensava di nominarlo suo erede.
  Agrippina era nata nel 14 a.C., il padre Agrippa morì che aveva 2 anni; quando aveva dodici anni la madre fu mandata in esilio ed Agrippina andò a vivere nella casa di Augusto e Livia.
Germanico ed Agrippina si sposarono nel 4 d.C., non avevano ancora 20 anni; il loro matrimonio fu voluto da Augusto perché in questo modo la sua sola discendente diretta avrebbe assicurato la continuità al potere della gens Julia; ed inoltre tra i due ragazzi, che si incontravano frequentemente nel palazzo del Palatino, era già nato un forte sentimento.
Agrippina aveva un carattere altezzoso ed arrogante, sentiva di rappresentare la discendenza diretta di Augusto ma, secondo Tacito ( Annales, I 33) l’amore per Germanico era stato in grado di temperare il suo carattere "l’onestà e l’amore per il marito addolcivano il suo animo indomito".

Al momento del matrimonio andarono a vivere nell’appartamento sopra le Scale Anularie, uno dei due ricavati dalla casa – conosciuta come la casa delle donne della gens Julia - che era stata di Ottavia e poi di Giulia, la madre di Agrippina e di cui si trovano riferimenti in Svetonio.
L’altro appartamento rimase a disposizione di Tiberio fino al 14 d.C. quando divenuto Imperatore si trasferì nella Casa di Augusto; da quella data la casa tornò ad essere un’unica abitazione a disposizione della famiglia di Germanico e Agrippina.

I due giovani avevano perso il padre da piccoli, Germanico aveva 6 anni ed Agrippina 2 anni ed erano cresciuti nella grande famiglia di cui Augusto era pater familias; Agrippina dopo l’esilio della madre Julia fu affidata alle cure di Livia mentre Germanico fu sempre seguito dalle cure amorevoli di Antonia Minore che decise di rimanere univira per dedicarsi completamente alla famiglia. I due ragazzi avevano vissuto entrambi l’esperienza di una famiglia spezzata e forse fu questo il motivo per cui furono sempre molto vicini ed ebbero una famiglia numerosa.
Rimasero a Roma fino al 7 d.C. ed in questo periodo nacquero i primi due figli, ma proprio in quell’anno Augusto decise di anticipare il cursus honorum di Germanico facendolo diventare augure e questore, e per farsi le ossa lo mandò nell’Illirico romano dove le popolazioni di Dalmazia e Pannonia si erano rivoltate. L’esercito romano era sotto il comando di Tiberio che adottò una strategia di logoramento e di divisione delle tribù insorte; durante l’inverno la campagna militare veniva sospesa e se nell’inverno dell’8 d.C. Germanico potè tornare a Roma, l’inverno seguente Tiberio gli affidò il suo primo vero comando e lo lasciò con le sue legioni a sud delle Alpi Dinariche; in quell’anno Germanico ed Agrippina rimasero lontani.
L’anno seguente fu l’anno decisivo, le legioni romane ripresero tutte le città insorte e catturarono i re nemici; Tiberio e Augusto furono riconosciuti imperator e Germanico ebbe i suoi primi ornamenta triumphalia, ovvero sfilò insieme a Tiberio nel Trionfo con le vesti del triumphator...



Per leggere tutto l'articolo iscriviti!



di M.L. ©RIPRODUZIONE RISERVATA (Ed 1.0 - 31/08/2015)