Login      FOLLOW US ON follow on Facebook follow on Twitter follow on Pinterest follow on Tumblr follow on Google Plus

Le Ignobili Taverne del Pantheon


Sul muro del civico 14 di Piazza della Rotonda, di fronte al Pantheon, è visibile una  targa di marmo che ricorda l’opera di demolizione fatta eseguire da Pio VII nel 1823, con l’obiettivo di liberare la piazza restituendola nella sua bellezza:

PAPA PIO VII NEL XXIII ANNO DEL SUO REGNO A MEZZO DI UN'ASSAI PROVVIDA DEMOLIZIONE RIVENDICÒ DALL'ODIOSA BRUTTEZZA L'AREA DAVANTI AL PANTHEON DI M. AGRIPPA OCCUPATA DA IGNOBILI TAVERNE E ORDINÒ CHE LA VISUALE FOSSE LASCIATA LIBERA IN LUOGO APERTO

Il Papa fece spostare i carretti e i banchi dei pollaioli e dei verdurai che facevano mercato, ma fece anche demolire i portici dei fabbricati che si allargavano sulla piazza e nei quali avevano le loro sedi alcune antiche trattorie definite ignobili taverne, perché i frequentatori spesso erano ubriachi e con il loro comportamento infastidivano i frequentatori della piazza che già in quei tempi era meta di molti pellegrini e viaggiatori stranieri.
Ma forse, l’epiteto era legato ad un’antica cronaca che riguardava una delle locande e che viene tramandata dall’Abate Benedetti. In Piazza della Rotonda avevano la loro locanda un norcino e sua moglie ed erano veramente bravi nella loro arte tanto da essere conosciuti in tutta Roma; la fama delle salsicce dei norcini durò per molti anni finché cominciò a spargersi la voce che le salsicce erano più buone perché fatte anche con carne umana.

La voce divenne insistente e poi al Capitano di Giustizia cominciarono ad arrivare notizie di persone che erano scomparse; fatti i necessari accertamenti si scoprì che la diceria corrispondeva a verità: i due norcini attiravano clienti di un certo peso in cantina e li uccidevano a bastonate, i vestiti venivano bruciati e il resto confuso con i resti di macellazione.
Fu il Papa Urbano VIII che, saputa la vicenda, comandò il tipo di morte che doveva essergli inflitta; il 3 febbraio del 1638 fu allestito il patibolo proprio in Piazza della Rotonda ed i due empi scellerati norcini furono accoppati, scannati e squartati.

Piazza della Rotonda dall’Ottocento ha subito qualche intervento di restauro che ha riguardato principalmente la Fontana sormontata dall’obelisco, ma tutt’intorno è rimasta la Piazza di cinque secoli fa: le taverne hanno cambiato nome ma sono sempre là.





di M.L. ©RIPRODUZIONE RISERVATA (Ed 1.0 - 04/06/2015)