Login      FOLLOW US ON follow on Facebook follow on Twitter follow on Pinterest follow on Tumblr follow on Google Plus

Terme di Elagabalo

Nella Historia Augusta si racconta che l'Imperatore Elagabalo fece costruire nei pressi del grande tempio che dedicò al Dio Sole un lavacrum publicum così quando nel secolo scorso durante scavi archeologici nelle sostruzioni a sud del Palatino si ritrovarono le vestigia di un balneum venne denominato Terme di Elagabalo anche se in realtà quell'edificio era successivo di quasi due secoli al regno di Antonino Bassiano. [ 1]
Come in tutta quell'area del Palatino contigua al Tempio di Giove Statore, esistono testimonianze di costruzioni appartenenti ad epoche diverse, dall'età monarchica alla julio-claudia, a quella adrianea sino alla severiana e poi la fase tardo-antica a cui si riferiscono le vestigia più facilmente individuabili. Durante scavi eseguiti a partir dalla fine del secolo scorso è stato portato alla luce un complesso che risale al III sec. d.C. e si sviluppa tra la Summa Via Sacra ed il Tempio di Venere e Roma a Nord e le sostruzioni del Palatino a Sud; vi sono stati scavati più di 20 ambienti che si aprivano intorno ad un cortile a pianta rettangolare; nel IV secolo cambiarono le destinazioni di quegli spazi ed il cortile venne occupato da altri ambienti e da due fontane di cui una monumentale. [ 2]
Successive scavi archeologici hanno indagato strati più profondi scoprendo anche costruzioni di età arcaica e poi tabernae e domus risalenti all'età repubblicana; il complesso è interessante per capire le trasformazioni subite dall'area in conseguenza non solo di fatti catastrofici come l'incendio del 64 ma anche per effetto delle decisioni urbanistiche dei principi di Roma.
I reperti di scavo hanno indicato che l'area era già abitata nella prima età del ferro (IX secolo), infatti ci sono i resti di due capanne datate 800-720 a.C consistenti nei buchi nel terreno in cui erano infissi i pali oltre a frammenti ceramici che ripetono i modelli di quelli rinvenuti nella necropoli dell'antica Gabii in territorio albano. [ 3]
Questi ritrovamenti possono essere riletti come conferme della corrispondenza storica con la leggenda della fondazione di Roma nel VIII secolo da parte di Romolo che era di ascendenza albana.
Altro elemento importante è la vicinanza di queste costruzioni all'area del Tempio di Giove Statore, segno che la zona era già abitata quando all'inizio dell'età monarchica fu costruito il tempio.
Se al tempo di Romolo l'area era esterna alla prima cinta di mura, già al tempo di Anco Marzio era stata urbanizzata proprio per la sua vicinanza al Tempio di Giove Statore e perché si affacciava sulla Via Sacra. Alla fine dell'età repubblicana l'area era occupata da tre domus, la prima verso est di età julio-claudia aveva il piano terreno adibito a tabernae, ne sono state individuate 8 mentre l'abitazione retrostante si sviluppava sulle pendici del Palatino. Delle altre due domus sono stati individuati solo tratti di fondazioni; di questo assetto sono individuabili le sole condotte fognarie che passavano nella strada che divideva questa domus da un'altra verso la Velia. L'incendio del 64 bruciò tutto e fu la premessa per la costruzione della monumentale via porticata voluta da Nerone con orientamento est-ovest. [ 4]
In età flavia non furono apportate modifiche nell'area ed anzi gli archeologi sono del parere che i portici neroniani servissero principalmente a coprire la mancanza di costruzioni verso le sostruzioni del Palatino. Fu l'imperatore Adriano che mettendo mano al grande Tempio di Venere e Roma decise anche la sistemazione dell'area che lo metteva in comunicazione con il Palatium. Adriano pensò ad un edificio con due corpi di fabbrica; quello ad est con un minor numero di vani e posto ad una quota inferiore, mentre quello ad ovest con un maggiore numero di vani ... [ 5]

Per leggere tutto l'articolo iscriviti!


di M.L. ©RIPRODUZIONE RISERVATA (Ed 1.0 - 24/10/2017)




  • Terme di Elagabalo, III-IV secolo d.C. - Foro Romano, Roma
    Terme di Elagabalo, III-IV secolo d.C. - Foro Romano, Roma
    FOTO 1
  • Urna cineraria ritrovata sul Palatino, la forma ripeteva quella delle capanne
    Urna cineraria ritrovata sul Palatino, la forma ripeteva quella delle capanne
    FOTO 2
  • Ceramiche IX-VIII sec. AC, rinvenute a Osteria dell'Osa, antica Gabii
    Ceramiche IX-VIII sec. AC, rinvenute a Osteria dell'Osa, antica Gabii – Museo Terme di Diocleziano, Roma
    FOTO 3
  • Ricostruzione digitale porticati neroniani
    Ricostruzione digitale porticati neroniani - Altair4 Multimedia
    FOTO 4
  • Sezione area Terme di Elagabalo in età adrianea
    Sezione area Terme di Elagabalo in età adrianea
    FOTO 5
  • Veduta di un tratto della Via Nova
    Veduta di un tratto della Via Nova
    FOTO 6
  • Edifici insistenti sull'area
    Edifici insistenti sull'area: Fig 1 Età giulio-claudia – Fig. 2 Età Adrianea – Fig 3 Età Severiana – Fonte: F. Quondam, ortofoto
    FOTO 7
  • Planimetria dello stibadium risalente al tardo impero
    Planimetria dello stibadium risalente al tardo impero
    FOTO 8
  • Lo stibadium nell'affresco del Masusoleo di Santa Costanza sulla Via Nomentana
    Lo stibadium nell'affresco del Masusoleo di Santa Costanza sulla Via Nomentana – Roma
    FOTO 9
  • Testa virile di età severiana ritrovata durante scavi
    Testa virile di età severiana ritrovata durante scavi
    FOTO 10
  • Testa di Settimio Severo rinvenuta nelle Terme di Elagabalo
    Testa di Settimio Severo rinvenuta nelle Terme di Elagabalo – Roma
    FOTO 11
  • Foto inizi del '900 – Rovine delle Terme di Elagabalo
    Foto inizi del '900 – Rovine delle Terme di Elagabalo:il prospetto colonnato di fronte allo stibadium, sala per banchetto con mensa a forma di sigma– Roma
    FOTO 12
  • Scavi delle Terme di Elagabalo
    Scavi delle Terme di Elagabalo
    FOTO 13
  • Erma bifronte di Hermes
    Erma bifronte di Hermes
    FOTO 14
  • Testa di erma bifronte
    Testa di erma bifronte
    FOTO 15
  • Ritratto di Elagabalo Vario Avito Bassiano
    Ritratto di Elagabalo Vario Avito Bassiano , risalente al primo ventennio del III secolo. (Roma, Musei capitolini)
    FOTO 16

STREET VIEW


Bibliografia:

  • - Lucia Saguì, Matilde Cante, Francesco Quondam: Le Terme di Elagabalo, risultati delle ultime indagini. Edizioni Quasar